Rocca di Gradara - Agriturismo vallugola

Vai ai contenuti

Menu principale:

Dintorni



Gradara

Gradara, “capitale del Medioevo”, è indicata come uno dei borghi più belli d’Italia, grazie al suo patrimonio storico e artistico costituito dalla Rocca Malatestiana e le Mura Trecentesche. Visitare la Rocca di Gradara significa catapultarsi indietro nel tempo: passeggiare sulle mura merlate del Castello ed ammirare le sale interne abitate per secoli dalle potenti famiglie che hanno governato la Rocca. La costruzione della rocca fu voluta, attorno all’XII secolo, dai fratelli Pietro e Ridolfo De Grifo, che si impadronirono della zona del Comune di Pesaro. Questo incantevole borgo, per le sue caratteristiche, fu oggetto, nel corso dei secoli, di conquiste da parte di molte famiglie nobiliari dell’epoca  dagli Sforza, poi ai Borgia, ai Della Rovere e infine allo Stato Pontificio che lo fece amministrare a varie famiglie fino al 1700, quando la rocca divenne di proprietà comunale. In questo periodo la Rocca di Gradara conobbe una nuova stagione: l’edificio fu oggetto di un restauro che ha completato quello iniziato da Giovanni Sforza in epoca medievale. Per secoli la Rocca di Gradara è stata fonte di ispirazione per poeti, musicisti, letterati ed artisti, i quali hanno attinto da quella che è la storia più romantica e struggente della storia della letteratura: la tragedia di Paolo e Francesca. La storia,  svoltasi nella cornice della Rocca di Gradara nel 1286, è  la storia di due amanti, Paolo e Francesca, cognati innamorati  che, sorpresi dal marito, furono trafitti e uccisi con un colpo di spada. La storia è stata descritta anche da Dante Alighieri nel V Canto dell’Inferno.

www.gradara.org
www.castello-di-gradara.it

VERIFICA DISPONIBILITA'







 
Torna ai contenuti | Torna al menu